Priorità e fasi della campagna vaccinale

Il Ministero della Salute ha aggiornato le priorità e le fasi della campagna vaccinale (scarica il pdf). Le persone con SM sono tra quelle definite “estremamente vulnerabili”, che quindi dovrebbero essere tra le prime ad essere vaccinate una volta terminata la fase 1 nei prossimi giorni. Ma cerchiamo di comprendere meglio, e con parole semplici, cos’è e come agisce un vaccino e quali sono le novità che le biotecnologie hanno messo in campo nel corso dell’anno appena trascorso.

“I vaccini, solitamente, funzionano all’incirca così: – Si crea una versione “depotenziata” del patogeno da voler contrastare; – Si inietta questa sua versione nei pazienti da vaccinare; – Il loro corpo imparerà a combattere il patogeno, che essendo depotenziato, non rappresenterà un reale pericolo; – Qualora il patogeno “vero” dovesse entrare, il corpo ricorderà la lezione precedente e sarà in grado di combatterlo.

Benissimo.

Il vaccino Pfizer no. Nulla di tutto questo.

Il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 (Comirnaty) è un vaccino destinato a prevenire la malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) nei soggetti di età pari o superiore a 16 anni.

Contiene una molecola denominata RNA messaggero (mRNA) con le istruzioni per produrre una proteina presente su SARSCoV-2, il virus responsabile di COVID-19. Il vaccino non contiene il virus e non può provocare la malattia. Nel nuovo vaccino anti-Covid, il virus SARSCoV-2, non c’è (ripetete con me: non c’è). Ma zero, eh. Neanche una puntina, neanche una foto stampata. Neanche una versione depotenziata, assonnata, annoiata, niente. Niente di niente. Nada de nada. Non ce n’è Coviddi!

Il nuovo vaccino utilizza infatti una molecola chiamata mRna (Rna Messaggero). Ma che cacchio è sto mRna? E come funziona? A chi appartiene? Di chi è figlio? Che c’azzecca?

L’Rna messaggero è una molecola in grado di trasportare informazioni alle cellule. È innocua, non contiene virus, né patogeni, né spade, né bastoni, né coppe, né denari. Contiene soltanto un’informazione. Un messaggio, appunto. Una volta iniettato, il vaccino Pfizer (o comunque tutti i vaccini cosiddetti ad mRNA) si limita a raggiungere alcune cellule del corpo e dire loro; “Uè guagliò, occhio che in giro c’è il Coviddi. Chistu fetentone utilizza una proteina brutta e cattiva (Spike) per riprodursi e fare danni, rubare i motorini e suonare i citofoni per dispetto. Se vedete ‘sta proteina o quel brutto testina di minchia, attaccate. Mo’ vado che c’ho il treno alle 7.” E si disintegra.

“Ah ma vogliono iniettarci il Covid!” No, no e poi no. “Ah ma vogliono modificarci il DNA!” No, no e poi no. “Ah ma c’è dentro il 5G!!!!” No, no e poi no. E fatevi vedere da uno bravo!

L’Rna messaggero non fa una fava. È un postino frettoloso. Ha fretta perché c’ha il treno alle 7 e deve solo consegnare un messaggino, facile facile eppure fondamentale. Comunica il messaggio di pericolo, insegna alle cellule cosa fare e poi si disintegra. Qualora dovesse presentarsi il Covid, le cellule del corpo diranno “O vè dov’è, quel ladro di motorini. Forza guagliò!” E lo neutralizzeranno. Fine della storia.

Detta così, su due piedi. In modo brutto e breve. Giusto per dare l’idea.

Ora: è fondamentale rispettare il SACROSANTO diritto di libero arbitrio. Vaccinarsi o non vaccinarsi, fidarsi o non fidarsi, pillola rossa o pillola blu. Ognuno sceglie e sceglierà liberamente, ed è giusto così. È giusto anche accettare le scelte degli altri, per quanto diverse esse siano, perché ce lo ha detto anche Voltaire e la democrazia e la costituzione e blabla. Tutto sacro e inviolabile. Solo una cosa, però, mi sento di chiedere: Informatevi. Approfondite.… Però da fonti attendibili. Non da noncielodicono. it e nemmeno da vostro cugino e men che meno dai tanti laureati su Facebook.

Capite come funziona e poi decidete cosa fare.

Perché scegliere liberamente e con consapevolezza è bello e giusto, ma c’è una cosa che è invece ingiusta e bruttissima, che rischia di danneggiare voi e chi vi sta intorno, in modo meschino e del tutto evitabile: scegliere senza avere la minima idea di cosa si stia scegliendo.”

ASSOCIAZIONE SCLEROSI MULTIPLA ALBERO DI KOS - CF: 91321490376 - IBAN: IT62R0306902478100000009298